Orchiday, Giardino Botanico di Alessandria

Ho tenuto molto a questo evento, organizzato presso il Giardino botanico di Alessandria domenica 26 maggio 2019, il primo evento realizzato da ALAO e SFO in collaborazione, non solo, vi ha partecipato l’Associazione Natura e Ragazzi che cogestisce il Giardino botanico di Alessandria assieme al direttore Angelo Ranzenigo. È la nuova casa delle mie amate orchidee, un luogo dedicato completamente ai cittadini, in particolare ai bambini e alle persone disabili, con ingresso completamente gratuito. Durante l’evento è stato possibile ammirare alcune fioriture, come quella dell’Epidendrum parkinsonianum, della Trichoglottis fasciata, del Dendrobium amabile e di molte altre specie, comprese anche le fioriture delle più comuni Phalaenopsis ibride, donate dai cittadini, a cui sono affezionata perché le ho letteralmente attaccate agli alberi della serra tropicale con i bimbi delle classi elementari per far capire come vivono in natura; per tutte le persone che non conoscono le orchidee è sempre una meraviglia vedere che successivamente le loro radici si attaccano e corrono lungo il tronco degli alberi.

Sono felice che alcuni soci ALAO e SFO, nonostante la lontananza, abbiano potuto godere di questo angolo verde all’interno della città di Alessandria. Giornata dedicata completamente ai soci, mattinata dedicata alle Cattleya, conferenza ALAO tenuta da Martino Figini; nel primo pomeriggio, dopo esserci seduti tutti assieme a tavola per quattro chiacchiere sulle orchidee e non solo, ha avuto luogo la conferenza sulle patologie delle orchidee tenuta da Daniel Klein. Momento di suspense e per me di attimi di terrore: abbiamo seguito con vero interesse Daniel che ha testato con le ImmunoStrip alcune mie orchidee potenzialmente infette da virus con la gioia che brillava nei suoi occhi in attesa dei risultati, come un bimbo che entra in un negozio di caramelle. Ahimè, due erano veramente colpite da virosi. Infine la giornata si è conclusa con un corso base di coltivazione delle Phalaenopsis con prova pratica di rinvaso: non mi aspettavo così tante piante da rinvasare! È stato un ottimo segno positivo di interesse e partecipazione da parte degli appassionati della città.

Angrgeacum sp.

Coelogyne usitana

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*