Esperienza di coltivazione del Gastrochilus japonicum

Lo tengo appeso ad uno dei montanti della veranda, verso l’interno, in modo che non riceva mai sole diretto. E’ anche abbastanza vicino al sotto di un ripiano il che riduce ulteriormente la quantità di luce proveniente dall’alto. La posizione
mantiene anche in inverno una temperatura maggiore non essendo piazzato vicino ad alcuna parete.

In inverno ritengo che la minima in quella zona non vada mai sotto i 15°. Lo bagno tutti i giorni ogni paio di settimane aggiungo concime (1gr/l) ma tra una concimatura e l’altra aggiungo sporadiche “tracce” di concime nell’acqua delle nebulizzazioni.

L’umidità cerco di mantenerla alta (60/80%) con punte alte e basse di 90/95% e 50/55%.

In estate però per un paio d’ore (quelle più calde) a volte sono costretto a lasciare che l’umidità cali a 30/40% per controllare la temperatura aprendo tetto e finestra laterale.

Lo scorso anno mi ha dato una fioritura assai abbondante con 4-5 steli ed una miriade di fiori.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*