Sintesi

Serra

Serra

Intermedia

Temperatura

Temperatura

18°C – 22°C

Luce

Luce

Luce semi ombreggiata

Umidita'

Umidita'

80%

Acqua

Acqua

Bagnature quotidiane

Fertilizzazioni

Fertilizzazioni

Abbondante con dosi di 2 gr / litro per settimana di concime bilanciato

Ventilazione

Ventilazione

Moderata

Media e rinvaso

Media e rinvaso

Zattera / Cestelli

Riposo

Riposo

No

Passate con il cursore sulle caselle per girarle e svelarne il contenuto; le caselle piu’ piccole non hanno dei dettagli da svelare

Indice dei contenuti

Generalita’

Temperatura

Luce

Umidita’

Acqua

Fertilizzazioni

Ventilazione

Media e rinvaso

Altro – curiosita’

Generalita'

Al genere Ascocentrum appartengono circa 10 specie originarie dell’Asia tropicale e richiedono tutte lo stesso tipo di trattamento per quanto riguarda la coltivazione.

Questo genere, il cui significato vuol dire ‘labello con sperone’, appartiene alla tribù delle Vandeae, sottotribù Sarcanthinae alla quale appartengono anche i generi Vanda e Renanthera con le quali vengono facilmente ibridate, in modo particolare con le Vanda assumendo il nome generico di Ascocenda.

Nelle nostre zone climatiche la fioritura avviene da fine primavera a fine estate; la pianta emette diversi steli fioriferi a forma di cono densamente ricoperti di fiori che durano fino a due mesi e se coltivata all’aperto, viene facilmente impollinata dalle api.

Ascocentrum christensonianum

Temperatura

La temperatura ideale consigliata per la coltivazione degli Ascocentrum è compresa tra i 18° e i 22° gradi, anche se, essendo un genere abbastanza robusto, può sopportare temperature minori; tenere presente che esposizioni a temperature di 10° gradi o meno causano scarse o nulle fioriture nell’anno.

Luce

Questo genere necessita di tantissima luce brillante; nella loro area originale di crescita sono acclimatate direttamente alla luce del sole, tuttavia nelle nostre zone questo non è possibile in quanto non si hanno le condizioni di umidità ambientali che si trovano nelle loro zone d’origine.

Nelle nostre zone climatiche devono essere tenute in posizione semi ombreggiata, si possono comunque esporre alla luce diretta del sole per un’ora o due al mattino o alla sera con esclusione dei mesi estivi; in ogni caso si tenga sotto controllo l’aspetto delle foglie; se queste tendono ad un verde pallido significa che hanno troppa luce, per contro se le foglie hanno un colore verde scuro significa che la pianta è esposta a luce inadeguata.

Umidita'

Una percentuale di umidità ambientale dell’80% e oltre sarebbe l’ideale.

Acqua

Gli Ascocentrum hanno bisogno di frequenti bagnature e pertanto si consiglia di somministrare l’acqua giornalmente usando l’accorgimento di bagnare più volte lasciando qualche minuto tra una bagnatura e l’altra fino a che le radici cambino il colore da grigio argento a verde scuro.

Fertilizzazioni

E’ importante che le piante abbiano una buona fertilizzazione per una buona crescita e una abbondante fioritura, a questo proposito consigliamo una somministrazione settimanale di concime di tipo bilanciato NPK 20 20 20 con dosi di 2 grammi per litro escludendo i mesi estivi e invernali.

Ventilazione

Una buona circolazione di aria è necessaria per offrire a questo genere un ambiente per la perfetta crescita della pianta il cui aspetto sano si desume dal fatto che le foglie avvolgono lo stelo partendo dal basso in prossimità delle radici.

Media e rinvaso

Gli Ascocentrum vengono generalmente coltivati con le radici in piena aria se tenute in serra oppure in vasi con corteccia di dimensione medio-grande se tenute in casa e più raramente su zattera per le sole specie di piccola dimensione; è un genere di facile coltivazione a patto che ci si attenga alle semplici regole che vengono richieste.

Come già detto in precedenza il miglior modo di tenere le piante di Ascocentrum e i relativi ibridi Ascocenda è quello di tenerle appese a radici libere così come sono in natura, è accettabile anche tenerle su zattere e se per ragioni particolari si è costretti a tenerle in vaso si usi un composto di corteccia medio-grande che faciliti la crescita delle radici e permetta un’ottima circolazione d’aria; in questo caso è assolutamente necessario che tra una bagnatura e l’altra il composto sia perfettamente asciutto.

Ascocentrum pusillum

Ascocentrum curvifolium

Altro - curiosità

  • Ascocentrum ampullaceum – La sua area di diffusione comprende la Cina centrale, l’area Sud dell’Himalaya, l’Assam, il Bangladesh, il Nepal, il Bhutan, il Sikkim, le isole Andamane, la Birmania, la Tailandia, il Laos e il Vietnam dove cresce ad una altitudine compresa tra i 300 e i 1500 metri nelle foreste tropicali presso i fiumi su alberi decidui. Durante la crescita vegetativa richiede temperature calde, alta umidità con bagnature giornaliere, molta luce e buon movimento d’aria; in Inverno richiede bagnature più lievi e temperature più fresche. Le piante si possono tenere a radici libere, su stecche di legno oppure sistemate in cesti.
  • Ascocentrum aurantiacum – E’ originario delle isole Sulawesi e delle Filippine dove cresce fino a 1200 metri di altitudine nelle foreste fitte in un clima molto caldo e dove fiorisce in Primavera, mentre nelle nostre aree fiorisce verso la metà dell’Estate fino alla fine della stagione emettendo vari steli densamente coperti di fiori. L’esemplare in fotografia è quello a colorazione arancio della specie tipica che vive nelle Sulawesi, mentre gli esemplari delle Filippine sono una sottospecie dal colore giallo chiaro. Per la coltivazione attenersi a quanto detto in generale per questo genere.
  • Ascocentrum christensonianum – E’ una specie tipica del Vietnam dove cresce dal livello del mare fino a700 metri di altitudine nelle foreste decidue e semi decidue dal clima caldo asciutto sui rami degli alberi. E’ di dimensioni minori rispetto alle due specie descritte in precedenza e ha delle foglie dal colore verde rossastro che crescono densamente lungo lo stelo e sono tipicamente tridenticolate; durante la fioritura tardo estiva si ricopre densamente di steli fioriferi lunghi 10/15 centimetri con fiori dal delicato colore lilla-rosa. Hanno bisogno di un clima caldo e sopportano più delle altre specie del suo genere un clima asciutto; si coltivano meglio su zattera e vanno trattate come descritto per tutte le specie del genere
  • Ascocentrum garayi – Specie originaria della Tailandia e del Vietnam dove cresce sugli alberi nelle foreste collinari decidue e semidecidue dal livello del mare fino a circa 1000 metri di altitudine in ambiente caldo. Per la coltivazione è consigliato l’uso di un cesto possibilmente in legno; necessita di un ambiente caldo umido, luce forte ma indiretta e una buona circolazione d’aria. E’ una specie a fioritura tardo primaverile con fiori gialli che crescono densamente lungo steli conici. Questa specie viene spesso venduta come Ascocentrum miniatum col quale è molto somigliante; vi sono però tre differenze che distinguono le due specie tra loro: La prima riguarda il colore dei fiori che in questa specie è di un giallo più chiaro rispetto al miniatum il quale ha un colore tendente all’arancio; la seconda riguarda la forma stessa del fiore in quanto il garayi ha petali ovali semi trasparenti e venati mentre il miniatum ha petali e sepali tondeggianti e di maggior consistenza; la terza è la differenza nella forma del labello che è più lungo e piegato nel garayi e lievemente più corto nel miniatum.
  • Ascocentrum aureum – Specie molto simile all’ Ascocentrum aurantiacum, dal quale si distingue per il labello più lungo colorato di rosso alla base; si trova nell’isola Sulawesi e nelle isole Sula. E’ una specie che non si trova comunemente in commercio, è di piccole dimensioni e si coltiva allo stesso modo delle altre specie del genere.
  • Ascocentrum curvifolium – Questa specie ha un’area abbastanza vasta che comprende l’Assam, il Nepal, la zona himalayana dell’Est, la Birmania, la Tailandia, il Laos, il Sud della Cina e il Vietnam dove cresce sui rame degli alberi nelle foreste dal livello del mare fino a circa 700 metri di altezza. E’ una specie medio grande con le foglie tipicamente incurvate così come dice il nome fiorisce durante l’Estate con abbondanti fiori di un bel colore rosso disposti su steli più corti delle foglie ma che raggiungono una lunghezza che va dai 15 ai 25 centimetri. Si coltiva come le altre specie del suo genere e, data la grandezza, si possono tenere appese a radici libere
  • Ascocentrum miniatum – Questa specie è ampiamente diffusa dal Sud dell’Himalaya al Sikkim attraverso la Birmania e Java, nelle Filippine e nella Tailandia e Malesia. Questa specie si coltiva in cesti con un mix grossolano in ambiente con abbondanza di luce, frequenti bagnature e regolari fertilizzazioni per favorire il regolare sviluppo e permettere una abbondante fioritura che, in genere, avviene in Maggio e Giugno; daremo quindi molta luce e caldo umido e possono essere tenute all’aperto o su davanzali assicurandosi che le foglie non vengano bruciate dal sole se coltivate in vetrate con scarsa circolazione d’aria, le foglie sane sono di colore verde scuro con striature rossastre. Le bagnature devono essere frequenti, controllando lo stato delle radici, nella stagione calda, mentre vanno diradate nella stagione fredda. Questa specie riveste rilievo nella produzione delle Ascocenda dai colori brillanti comuni nelle collezioni.
  • Ascocentrum pumilum – Originaria di Taiwan questa piccola specie miniatura vive sui tronchi di latifoglie in foreste tra i 1000 e i 2000 metri di altitudine in ambiente fresco; ha le foglie carnose, tubulari, scanalate semi-terete e fiorisce in Inverno con piccole infiorescenze di circa 3/5 centimetri. Si coltiva in piccoli cesti di plastica con solo sfagno e deve essere costantemente umida avendo cura che il composto diventi asciutto tra una bagnatura e l’altra.
  • Gli ibridi, come detto in precedenza questo genere è molto utilizzato per le ibridazioni per i suoi brillanti colori soprattutto con le Vanda prendendo il nome di Ascocenda mentre gli ibridi con il genere Neofinetia prendono il nome di Ascofinetia.

La forza di un’associazione sono i soci, se vuoi collaborare con noi per estendere questa scheda o scriverne altre, scrivici pure.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*